Home » primo piano » 29 dicembre: Incontro su infiltrazioni mafiose, teatro su Peppino Impastato e musica dei Têtes De Bois

29 dicembre: Incontro su infiltrazioni mafiose, teatro su Peppino Impastato e musica dei Têtes De Bois

PROGRAMMA DEL SECONDO GIORNO. la MAFIAnonESISTE, TEATRO CIVILE FESTIVAL 2014- VIII EDIZIONE a MONTE SANT’ANGELO (FG). ingresso libero

LUNEDI’ 29 DICEMBRE Sala conferenze delle Clarisse Ore 18 – incontro – INFILTRAZIONI MAFIOSE. mafia grigia Coordina Piero PACIELLO (direttore de l’Attacco). Interventi di Rossella MURONI (dir. Generale di Legambiente), Enrico FONTANA (direttore nazionale di Libera), Domenico SECCIA (Magistrato), Antonio DI IASIO (sindaco di Monte Sant’Angelo), don Domenico FACCIORUSSO (dir. Caritas Diocesana e Centro antiusura), Francesco Di Palma (dirigente scolastico), Daniela MARCONE (Libera Foggia), Franco SALCUNI (Legambiente FestambienteSud), Domenico PRENCIPE (Direttore LUL). Auditorium delle Clarisse Ore 20.30 – MUNNIZZA. Peppino Impastato: memorie, suoni, visioni, con ANDREA SATTA e LICIO ESPOSITO. Impastato La trasmissione Onda Pazza del 28.04.1978 dal titolo “la favoletta”, con le voci di Peppino Impastato, Salvo Vitale, Faro Di Maggio; le parole di Andrea Satta, la lettura dei “pizzini” e le immagini del cortometraggio “Munnizza” s’incontrano in una sola voce: quella della memoria condivisa. Un reading realizzato dalla Cactus filmproduzioni in collaborazione con “Libera, associazioni nomi e numeri contro le mafie. Andrea Satta è musicista e cantante. Nel 1992 fonda con Angelo, Carlo e Luca i Têtes de Bois e intreccia inevitabilmente le proprie vicende con quelle del gruppo. Oltre che voce e autore dei testi della band, è ideatore e direttore artistico dei molti festival e progetti portati avanti dai Têtes in questi anni (“Stradarolo”, “Sotto il cielo di Roma e Berlino”, “Ferrovia dell’Allume”, “Avanti Pop”, “41° Parallelo”, “Festival della Bicicletta”, “Palco a Pedali” ecc.) e fa il pediatra nella periferia romana. Poeta e scrittore, ha all’attivo due libri “I riciclisti” (Ediciclo, 2009) e “Ci sarà una volta – favole e mamme in ambulatorio” (Infinito Edizioni, 2011). E’ stato inviato al Giro d’Italia e al Tour de France per il Manifesto e L’Unità (su quest’ultima testata con il vignettista Sergio Staino) e, sempre su L’Unità, ha una rubrica settimanale, “Dio è morto”. Ha partecipato come co-protagonista e co-sceneggiatore al film “Passannante” di Sergio Colabona, oltre che come autore delle musiche insieme ai Têtes de Bois.   Ore 21.30 – TÊTES DE BOIS in concerto acustico. tetes_de_bois Têtes de Bois è un sestetto composto di voce, tromba, basso, piano, chitarra, batteria. Una storia fatta di strade e svincoli, luoghi impropri, capitali europee, periferie e cinture urbane, di concerti sul camioncino, sulle scale mobili nei sotterranei dei metrò, in fabbriche abbandonate, di interventi estemporanei con le biciclette, sui tram, nelle stazioni ferroviarie, di eventi, festival, club, centri sociali, teatri, progetti e grandi palchi. La musica dei Têtes de Bois, tra rock, folk e poesia, passa e cresce attraverso una lettura del presente sempre attuale e mai scontata, si riempie di parole, suggestioni e rumori catturati nel transito, e sublima in quel suono sospeso tra emozione pura, ironia e straniamento che è la cifra propria della band. I Têtes de Bois sono: Andrea Satta (voce), Carlo Amato (basso, contrabbasso e computer), Angelo Pelini (pianoforte e tastiere), Luca De Carlo (tromba), Lorenzo Gentile (batteria), Stefano Ciuffi (chitarre).