Home » FestambienteSud » Apriamo oggi: a FestambienteSud Agri.Cultura e omaggio di Gianni Coscia a Umberto Eco

Apriamo oggi: a FestambienteSud Agri.Cultura e omaggio di Gianni Coscia a Umberto Eco

Apriamo oggi: a FestambienteSud Agri.Cultura e omaggio di Gianni Coscia a Umberto Eco

L’omaggio a Umberto Eco, il progetto speciale Agri.Cultura, la prima delle “archeocene”. E’ ricca la prima giornata della tappa invernale di FestambienteSud 2017, l’ecofestival di Legambiente per le questioni meridionali e la qualità culturale del territorio, che si svolge per il 13° anno a Monte Sant’Angelo, dal 7 al 10 dicembre.

Si parte giovedì alle ore 17 col simposio di apertura “Agri.Cultura. Cultura e agro-gastronomia, connubio sociale ed economico”. L’evento si terrà nella sala conferenze delle Clarisse ed è a ingresso libero. Tra i relatori: Vanessa Pallucchi (segreteria nazionale Legambiente), Loredana Capone (assessore regionale all’industria culturale e turistica), Leonardo Di Gioia (assessore regionale alle risorse agricole), Pierpaolo d’Arienzo (sindaco di Monte Sant’Angelo), Rosa Palomba (assessore alla cultura del Comune di Monte Sant’Angelo), Maria Rosaria Lombardi (Vazapp), Salvatore Taronno (Slow Food), Valerio Calabrese (Museo Vivente Dieta Mediterranea), Valentina Passalacqua (produttrice vini naturali), Paolo Braconi (Archeofood). A seguire l’incontro “Cosa mangiavano i pellegrini?” con archeo degustazione.

“Per noi l’Agri.Cultura ha dei volti, che rappresentano un nuovo modo di pensare l’agricoltura e il cibo”, afferma Franco Salcuni, direttore del festival.  “Siamo convinti anche che nell’arco di pochi anni l’Agri.Cultura sarà la prima industria italiana, per fatturato, occupati e reputazione sociale. Il Museo Vivente della Dieta Mediterranea di Pollica, l’agricoltura 2.0 di Vazapp, i vini naturali di Valentina Passalacqua, l’esperienza di Slow Food Italia sulla diffusione della cultura del cibo, l’approccio storico dell’associazione ArcheoFood, sono cinque racconti sul futuro dell’agricoltura italiana. Durante l’incontro degusteremo i vini naturali di Valentina Passalacqua e una serie di piatti e prodotti che probabilmente i pellegrini che raggiungevano il Gargano nei secoli passati portavano nella propria sacca”.

Alle ore 21 nell’auditorium delle Clarisse è da non perdere lo spettacolo “La misteriosa fisarmonica della Regina Loana” di e con Gianni Coscia, serata di parole e musica dedicata alla grande amicizia del veterano della fisarmonica con Umberto Eco. Data unica per il Centro Sud. Il titolo è collegato a filo doppio con il titolo di un (altro) piccolo-grande capolavoro di sua maestà Umberto Eco, pubblicato da Bompiani e intitolato “La misteriosa fiamma della regina Loana”. Del libro Coscia è parte integrante, visto che è l’anima nascosta del protagonista del romanzo di Eco, in virtù della grande amicizia che ha legato Coscia a Eco per tutta la vita. Gianni Coscia, alessandrino, ha suonato con musicisti americani come Joe Venuti, Bud Freeman e Sir Charles Thompson. Fortemente influenzato dalla musicalità e dal carisma di Gorni Kramer, ha collaborato con Rava, Minafra, Damiani, e con Azzola, Salis e Galliano in un quartetto di fisarmoniche e all’interno del Gramelot Ensemble di Simone Guiducci. Ha partecipato a dischi di De Andrè e Giorgio Conte. Ingresso con ticket acquistabile on line su www.bookingshow.it o nei punti vendita Bookingshow (infopoint 0884 562299).

Il festival continuerà venerdì 8 alle ore 19.15 col seminario storico e archeocena “Tra Bizantini e Longobardi”, e alle ore 21.30 col concerto dei giovani jazzisti che Paolo Fresu ha raccolto attorno al progetto Lumina. Sabato 9 appuntamento alle ore 9 col convegno su Itinerari culturali e beni Unesco e la presentazione del libro “Alla scoperta della Green Society”, curato da Vittorio Cogliati Dezza, alle ore 19.15 seminario storico e archeocena “I Normanni e gli Svevi” e alle ore 21.15 il concerto Jazzy Christmas del Paolo Fresu Quintet con Daniele di Bonaventura. Si chiude domenica con un’escursione filosofica, una visita guidata e alle ore 19 il concerto della bravissima Debora Petrina, con il suo ultimo lavoro Be Blind.

 

Per maggiori informazioni sul programma del festival: www.festambientesud.it

FestambienteSud ufficio comunicazione: tel. 3494597927 – festambientesud@gmail.com

 

FestambienteSud è progetto ammissibile nell’ambito dell’ “Avviso pubblico per presentare iniziative progettuali riguardanti lo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche” (ART. 45 DEL D.M. 1 LUGLIO 2014) della Regione Puglia – FSC Fondo di Sviluppo e Coesione 2014/2020 – “Patto per la Puglia”. Per l’anno 2017 gode inoltre del sostegno di Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia, Parco Nazionale del Gargano, Comune di Monte Sant’Angelo, Agritre, e di sostenitori privati, con l’assistenza tecnica di ArcheoFood e SlowLand Travel.

FestambienteSud compensa con AzzeroCO2 le emissioni di gas serra tramite un progetto di forestazione in Italia.