Home » Magazine » mezzogiorno » “Le passioni e il senso della vita”, giovedì 3 aprile il secondo incontro con Antonio Giardino in “L’algoritmo della gioia”

“Le passioni e il senso della vita”, giovedì 3 aprile il secondo incontro con Antonio Giardino in “L’algoritmo della gioia”

“Le passioni e il senso della vita”, giovedì 3 aprile il secondo incontro con Antonio Giardino in “L’algoritmo della gioia”

Si terrà giovedì 3 aprile, alle ore 18.30, presso la sala conferenze della Biblioteca Comunale “C. Angelillis”, il secondo incontro del ciclo di seminari filosofici “Il pensiero e le cose”: Antonio Giardino relaziona su “L’algoritmo della gioia”. Coordina Carmen Notarangelo di Legambiente.

Saranno sei gli incontri in programma per la seconda annualità dei seminari filosofici “Il Pensiero e le cose” intitolata “Le passioni e il senso della vita” – promossa da Legambiente FestambienteSud, dall’Assessorato ai Beni e alle attività culturali della Città di Monte Sant’Angelo e dalla Società Filosofica Italiana-sezione di Foggia in partenariato con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli e l’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “G. T. Giordani” di Monte Sant’Angelo.

I seminari sono iniziati lunedì 31 marzo con l’incontro “Ecologia delle passioni” tenuto da Franco Salcuni. Giovedì 3 aprile, il secondo appuntamento con il prof. Antonio Giardino, docente del Liceo classico di Monte Sant’Angelo, che relazionerà su “L’algoritmo della gioia”.

L’uomo è l’animale che non va mai bene così com’è, l’animale che semplicemente per essere se stesso è costretto a cambiare e a diventare migliore. Nelle società di massa, l’imperativo “devi cambiare la tua vita” – come recita il titolo di un celebre libro di Peter Sloterdijk – può essere soddisfatto attraverso un’offerta straordinariamente ricca, che va dagli esercizi tradizionali della scuola e del lavoro, fino ai metodi più innovativi del web, del fitness, della chirurgia plastica o dell’ingegneria genetica. Come valutare questo immane lavoro della società sugli individui e di ciascuno su stesso? Un salto indietro nel Seicento, alla filosofia di Baruch Spinoza, può forse aiutarci a scansare la prigione mentale dell’alternativa fra libertà e manipolazione esteriore, per approdare al pensiero che la perfezione è gioia.

Tutti gli incontri sono ad ingresso libero e rivolti a semplici cittadini, studenti, studiosi, docenti e chiunque altro sia interessato. Sarà possibile seguire anche un singolo seminario. Alla fine del ciclo sarà rilasciata attestazione valida ai fini dell’aggiornamento del personale docente.

Appuntamento a giovedì 3 aprile, ore 18.30, sala conferenze della Biblioteca Comunale “C. Angelillis”. Per informazioni e iscrizioni 349.6966546 – info@festambientesud.itwww.festambientesud.it

Rispondi