Home » Green Cave » Per salvare gli Eremi di Pulsano bisogna fare presto

Per salvare gli Eremi di Pulsano bisogna fare presto

Per salvare gli Eremi di Pulsano bisogna fare presto

Venerdì 7 febbraio nella Green Cave assemblea pubblica e concerto per gli eremi. Il crollo dell’ingresso del Mulino va affrontato urgentemente e scoperchia una situazione disperata dello stato complessivo di tutela dei 24 eremi di Pulsano.


Andrea Stuppiello, archeologo e guida ufficiale dell’Abbazia di Pulsano, e Franco Salcuni, dirigente di Legambiente, dopo il crollo dell’ingresso dell’eremo del Mulino nel Vallone dei Romiti sito in agro di Monte Sant’Angelo nel Parco Nazionale del Gargano, l’ennesima ferita a un patrimonio di importanza straordinaria attualmente non sottoposto neanche al vincolo puntuale da parte della Sovrintendenza, domenica scorsa hanno inscenato una protesta singolare, raggiungendo l’eremo e invitando associazioni e istituzioni a raggiungerli per rendersi conto di persona della situazione di degrado in cui versa non solo il Mulino, ma tutti e 24 gli eremi che gravitano attorno all’antica e suggestiva abbazia di Pulsano. Sebbene gli eremi siano sempre stati utilizzati come bandiera comunicativa nelle iniziative di marketing territoriale, tranne pochi sporadici interventi ad opera di alcune meritorie associazioni, nulla è stato fatto per la loro tutela e, l’assenza del vincolo archeologico, la proprietà privata e frammentata, la mancanza di un progetto unitario e l’assenza di una regia da parte di tutti gli enti che hanno la responsabilità di conservare questo patrimonio, hanno già pesantemente compromesso lo stato di salute del sito che rischia a questo punto di sparire per l’immobilismo di tutti.

Salcuni e Stuppiello segnalano la pericolosità del Mulino, dove sono possibili nuovi imminenti crolli e sconsigliano vivamente i visitatori di recarsi in quell’eremo. Chiedono inoltre a tutti gli enti pubblici territoriali e alla Sovrintendenza competente di sedersi per la prima volta tutti insieme attorno a un tavolo per arrivare rapidamente alla definizione del regime vincolistico puntuale, affrontare il problema proprietario, mettere in atto i primi interventi urgenti di messa in sicurezza del sito e sviluppare una progettualità complessiva per la tutela di tutto il complesso eremitico.

Convocano inoltre una pubblica assemblea, per venerdì 7 febbraio, alle ore 17.30 nella Green Cave di FestambienteSud a Monte Sant’Angelo, invitando cittadini e associazioni di tutela per costituire un coordinamento in mobilitazione permanente fino a che la vicenda non si risolva positivamente. All’assemblea seguirà un “concerto per gli Eremi” con il cantautore Lorenzo Meazzini.

Rispondi