Home » primo piano » Terza giornata del Teatro Civile Festival di Legambiente, il programma di domenica 29 dicembre

Terza giornata del Teatro Civile Festival di Legambiente, il programma di domenica 29 dicembre

Terza giornata del Teatro Civile Festival di Legambiente, il programma di domenica 29 dicembre

Ancora grandi appuntamenti per il Teatro Civile Festival di Legambiente.
Domenica 29 dicembre l’ultimo spettacolo di teatro ragazzi con “La creazione delle storie” di Lasorsa/Soriato (ore 10.45); alle 16.30 la “Performance in un’installazione. Lucia Migliaccio”; alle 18.30 “L’eremita contemporaneo. Made in Ilva”; alle 20.45 “Cantare all’amore” de La Ballata dei Lenna. Chiude la terza giornata Franco Arminio con “La punta nel cuore” (edizioni Mephite).

Domenica 29 dicembre terza giornata del Teatro Civile Festival di Legambiente.

Si inizia alle 10.45 per l’appuntamento con il teatro ragazzi (Auditorium, ticket 2,50): Daniele Lasorsa e Bruno Soriato portano in scena “La creazione delle storie”.

Un tempo, quando veniva la sera, si era soliti accendere il fuoco e raccontare storie. Storie di lupi, di venti, di stelle; storie di boschi di fiumi e tempeste. Alla penombra del fuoco si suonavano ricordi come strumenti. Il mantice della memoria prendeva lentamente fiato e le labbra scorrevano leggere sui tasti del tempo, per dar vita alle storie. Chi le racconta? E quando sono nate? Ma come mai sono nate le storie? Profonde sono le radici della memoria, affondano nella terra fino alla notte dei tempi… Una famiglia di viaggiatori. Una famiglia che porta con se nelle valige il mondo diviso per tipi e specie. Ognuno di loro si prende cura di una valigia, chi si cura dei ricordi, chi delle ricette chi dei dolci e chi come il nonno dei semi.

LA CREAZIONE DELLE STORIE (TEATRO RAGAZZI)

LA CREAZIONE DELLE STORIE (TEATRO RAGAZZI)

Alle 16.30, presso la Sala conferenze, “Performance in un’installazione. Lucia Migliaccio” di Antonella Romano (ticket 2,50).

Lucia Migliaccio nata a Siracusa nel gennaio del 1770. Donna di Corte. Nascere duchessa, vivere principessa, morire regina. In questa frase in sintesi la vita della moglie morganatica di Ferdinando IV Re di Napoli. Aneddoti, passioni e desideri di una donna che spunta come crisalide per il Re dopo essere stata baco in un bozzolo. “Dappertutto ho visto donne graziose, ma non ho più visto occhi come quelli della Duchessa di Floridia. Erano occhi umidi come li definivano i Greci, neri come il carbone, in cui si leggeva volta a volta la grazia, il sentimento, la voluttà, e che con uno sguardo facevano vibrare le fibre del cuore e penetravano fino al midollo delle ossa”. (appassionata descrizione della Migliaccio resa dal barone di Miccichè).

PERFORMANCE IN UN’INSTALLAZIONE. Lucia Migliaccio

PERFORMANCE IN UN’INSTALLAZIONE. Lucia Migliaccio

Alle ore 18.30 lo spettacolo ispirato al diario di un operaio dell’Ilva di Taranto: “L’eremita contemporaneo – Made in Ilva” portato in scena da Instabili vaganti (Sala conferenze, ticket € 2,50).

Lo spettacolo, appunto, è ispirato al diario di un operaio dell’ILVA di Taranto, per esprimere una critica dell’alienante sistema di produzione contemporaneo. L’attore spinge il suo corpo al massimo delle potenzialità umane, per resistere alla “brutalizzazione”, compiendo azioni acrobatiche e ripetitive all’interno di strutture metalliche e interagendo continuamente con video proiezioni, musica dal vivo, suoni che diventano ritmi ossessivi e una voce femminile che gli ordina: Lavora! Produci! Agisci! Crea! Un dramma in cui si esprime il desiderio di scappare dalla gabbia generata dalla società capitalistica, con la necessità di continuare a lavorare per sopravvivere.

Eremita contemporaneo

Eremita contemporaneo

“Cantare all’amore” de La Ballata dei Lenna è lo spettacolo delle ore 20.45 e si terrà presso l’Auditorium delle Clarisse. Ticket 2,50.

Un quadrato di luce è la casa dove s’intrecciano tre vite, quella di un sarto e di due sorelle: il brutto, la brutta e la bella. Tre vite prive d’importanza che provano a capire ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, anche se ormai giusto e sbagliato non aiutano a salvarsi. La brutta, vive una vita scevra d’aspirazioni contando davanti a se i giorni tutti uguali e accettando senza proteste gli umori di una sorella, prossima al matrimonio, assorbita interamente dalle speranze di una vita diversa. Il sarto, chiamato per riparare un abito da sposa ormai inadatto a essere indossato, è l’inciampo della storia. I tre personaggi si trovano presto a fare i conti con le proprie pulsioni, a sbrigliare e tenere a bada i propri desideri, a riscoprirsi teneri e violenti insieme, ma sempre e comunque, troppo inadeguati all’amore.
(di e con NICOLA DI CHIO PAOLA DI MITRI MIRIAM FIENO – supervisione al testo MICHELE SANTERAMO – produzione LA BALLATA DEI LENNA).

Cantare All'Amore - Teatro Civile Festival

Cantare All’Amore – Teatro Civile Festival

Alle 22.30, presso la sede di Legambiente, Franco Arminio presenta il suo ultimo libro: “La punta del cuore” (Edizioni Mephite). Ingresso libero.

Info e biglietti: Edicola “Lo Scarabocchio”, Corso Vittorio Emanuele 203, tel. 0884.562299

La settima edizione del Teatro Civile Festival di Legambiente è promossa da Legambiente, Regione Puglia (Assessorato al Mediterraneo, Cultura, Turismo), Unione Europea (PO Fesr 2007/2013 Asse IV – 4.3.2/D), Comune di Monte Sant’Angelo (città Unesco), Comune di Orsara di Puglia, Consorzio Five Festival Sud System (5FSS) – in collaborazione con Tuttoteatro.com e Compagnia Bottega degli Apocrifi.

www.festambientesud.it

Rispondi