Home » FestambienteSud » Primizie d’inverno nella Green Cave: si parte con la musica per conchiglie di Ottolini.

Primizie d’inverno nella Green Cave: si parte con la musica per conchiglie di Ottolini.

Primizie d’inverno nella Green Cave: si parte con la musica per conchiglie di Ottolini.

Il primo appuntamento il 16 febbraio con l’anteprima del geniale polistrumentista e compositore Mauro Ottolini, in duo con il poliedrico Vincenzo Vasi. Il secondo appuntamento il 9 marzo con un’altra prima, la presentazione del disco “Pasta Nera”, il progetto musicale della formazione Pasta Nera Jazz Project.

Sono due gli incontri con la musica di Winter Cave, il programma invernale della Green Cave di FestambienteSud, organizzati in collaborazione con l’associazione GustiAmo la Musica.

Si parte all’insegna del genio sabato 16 febbraio, alle 21, con Mauro Ottolini, in duo con Vincenzo Vasi, che presenta in anteprima il suo nuovo lavoro musicale: Sea Shell, musica per conchiglie.

Sea Shell, il nuovo progetto musicale di Ottolini, è un’opera si compone di un cd e un cartoon, in uscita il primo marzo, entrambi presentati al pubblico della Green Cave, che rappresentano un atto di devozione verso l’universo marino e i problemi che lo mettono in pericolo. “SEA SHELL Musica per conchiglie” vuole essere un contributo di amore e di civiltà verso l’uomo e la natura. In una ricerca che dura da molti anni dopo aver approfondito l’uso delle conchiglie come strumento musicale grazie agli insegnamenti del Maestro Steve Turre, Ottolini recupera conchiglie da tutte le parti del mondo, le ripara e le trasforma in strumenti musicali a fiato, talvolta a percussione.

I musicisti coinvolti da Mauro Ottolini in questo viaggio, edito da Azzurra Music e che gode del partenariato delle associazioni Legambiente e Greenpeace, e dei festival Umbria Jazz e FestambienteSud, sono: Vinicio Capossela, Vanessa Tagliabue Yorke, Gavino Murgia, Vincenzo Vasi, Rhys Waite, Maurilio Balzanelli ed il coro “Little Mermaids” un coro multietnico di voci bianche fatto di sole bambine diretto da Vanessa Tagliabue Yorke.

Nel secondo appuntamento, sabato 9 marzo alle ore 21, sarà protagonista la formazione musicale Pasta Nera Jazz Project con la presentazione in prima assoluta del disco “Pasta Nera”.

E’ possibile colorare la musica jazz con le sfumature sonore della Capitanata e profumarla con gli odori della terra e della sua tradizione culturale? Contaminare il jazz è uno dei motivi che hanno ispirato la nascita del Pasta Nera Jazz Project, alla ricerca della bella ed antica melodia che affonda le radici nelle varie e continue mescolanze sonore e culturali avvenute nel corso del tempo. Lo spettacolo musicale del gruppo è un viaggio sonoro tra l’energia vitale della Tarantella di Carpino, gli Sciamboli dei Monti Dauni e le più belle ballate d’amore, fatica ed ingiustizia del cantastorie apricenese Matteo Salvatore. Ma c’è spazio anche per composizioni originali, dove le melodie più celebri di queste tradizioni rivivono nell’appassionata interpretazione del gruppo in chiave jazz e moderna. Il Pasta Nera jazz Project nasce nel 2018 dall’incontro di due musicisti di Capitanata il pianista e compositore Felice Lionetti ed il sassofonista e clarinettista Antonio Pizzarelli, entrambi appassionati di jazz e di musica della tradizione, ai quali si aggiungono il contrabbassista Giovanni Mastrangelo e il batterista Antonio Cicoria.

Appuntamenti:

Sabato 16 febbraio 2019, ore 21, Mauro Ottolini e Vincenzo Vasi in “Sea Shell, musica per conchiglie”.

Sabato 9 marzo 2019, ore 21, Pasta Nera Jazz Project in “Pasta Nera”.

In preparazione altri incontri musicali per la stagione primaverile.

Per partecipare agli incontri con la musica di Winter Cave è necessaria la prenotazione, fino ad esaurimento dei posti, presso la Green Cave in via Garibaldi 27 a Monte Sant’Angelo. Infoline 379 1175345

Rispondi